In Perù – il progetto "piccoli"

Amici di Huaycan

Giugno 2021

A LEZIONE DI FELICITÀ

Nell’intero Perù i contagi da Covid-19 sono ancora alti, ma un piccolo lumicino di speranza inizia a comparire, perché sono iniziate le vaccinazioni tra gli over 60 e, già a partire dal mese di luglio, potranno vaccinarsi anche gli ultracinquantenni. Anche diversi bambini della Casita hanno contratto il virus in queste ultime settimane ma, fortunatamente, sono tutti in via di guarigione.

A Huaycan sta per tornare l’inverno e le giornate iniziano a farsi più corte. Alla Casita si respira un’aria felice e l’entusiasmo tra i bambini è dilagante. Il motivo di tutta questa gioia? Sono ricominciati i laboratori di musica con il maestro José e di pittura con il maestro Antonio. Siamo già a quota 27 iscritti. Quest’anno i laboratori si svolgono all’aperto, nel rispetto del distanziamento sociale. I bambini, muniti di mascherina, lavorano in piccoli gruppi da 5, che si alternano.

Abbiamo arricchito il laboratorio di musica con tanti nuovi strumenti: flauti dolci ad uso personale per ogni iscritto, una chitarra, percussioni e zampoñas, flauti tipici della cultura musicale peruviana.

I laboratori sono molto amati dai bambini e, con un pizzico di orgoglio, possiamo affermare che, negli anni, alla Casita sono emersi dei talenti e alcuni dei piccoli che hanno frequentato i laboratori hanno fatto della musica e dell’arte il proprio lavoro. Il maestro Josè, ad esempio, ha iniziato a suonare proprio alla Casita per poi specializzarsi e diventare un musicista oltre che un bravo insegnante.

I laboratori creativi della Casita hanno sempre messo al centro l’insegnamento delle tecniche e delle tradizioni peruviane. Gli strumenti musicali e le melodie tradizionali, le tablas pintadas, tipiche pitture su tavole di legno, sono da sempre protagoniste dei nostri laboratori. L’importanza delle tradizioni è riconosciuta da entrambi i nostri insegnanti che l’hanno resa parte integrante dei programmi formativi.

Siamo molto felici perché è ricominciato in questi giorni anche il progetto “Promolibro”, promosso dall’amministrazione locale; alla Casita è stata aperta una piccola libreria che ha lo scopo di incentivare la lettura fin dai primi anni dell’infanzia.

Siamo grati a tutti i sostenitori di Amici di Huaycan e alla Chiesa Valdese che, quest’anno, sta finanziando le attività progettuali che coinvolgono i bambini più piccoli: è solo grazie a tutta questa solidarietà che anche in un anno così complesso siamo riusciti a non fermarci mai e a fare in modo che la Casita sia ancora la casa di tutti i bambini di Huaycan.
 






Amici di Huaycan


Aprile 2021

AGGIORNAMENTI DAL CAMPO: TRA DIFFICOLTÀ E BUONE NOTIZIE

Non cessa la corsa del Covid-19 in Perù, tanto da attribuirsi il triste primato mondiale di paese con il più alto numero di morti rispetto alla popolazione.

Aprile è stato un mese davvero difficile, i contagi sono tornati a crescere ed è stato istituito un nuovo lockdown nazionale.

La situazione generale del paese si riflette nella piccola realtà della Casita di Huaycan. Alcuni dei bambini della zona R, tra quelli che frequentano la Casita, sono stati colpiti direttamente dal virus: i contagi sono avvenuti principalmente all’interno del contesto famigliare e tutti se la sono cavata con qualche giorno di febbre, senza complicanze.

Fra gli impatti più duri di questa situazione ricordiamo purtroppo la perdita di Vicente, un operatore impegnato dai primissimi anni alla Casita, così come in molte altre attività a sostegno dei bambini di Huaycan.

Nonostante il clima difficile e di profonda incertezza, tante cose belle ed importanti stanno accadendo. L’amministrazione pubblica della zona R. ha deciso di dare il via a dei lavori che miglioreranno la qualità della vita della popolazione del quartiere. Si stanno aprendo dei cantieri per la realizzazione di una nuova strada nei terreni adiacenti alla Casita, dove passerà la rete fognaria. È un grande passo in avanti per il bene della salute delle numerose famiglie che vivono nella zona che, allo stato attuale, oltre a non poter godere nelle abitazioni di un impianto fognario, sono anche sprovviste di energia elettrica stabile e di acqua potabile.

Un’altra bellissima notizia è l’installazione della rete wi-fi alla Casita. Abbiamo fortemente voluto l’inserimento di questo servizio che consideriamo fondamentale per i percorsi di crescita e apprendimento dei nostri piccoli. A Huaycan avere accesso alla rete internet è un lusso che le famiglie non possono permettersi: alla Casita i bambini potranno sfruttare la connettività gratuita per la didattica a distanza, e in futuro connettersi per svolgere approfondimenti, ricerche e studi.

Ricordiamo quanto, in un anno così complesso, sia fondamentale il supporto della Chiesa Valdese che, con i fondi dell’8xmille, sta finanziando le attività della Casita rendendola sempre di più, un punto di riferimento fondamentale per i piccoli di Huaycan.
 



Amici di Huaycan 8 x 1000

AGGIORNAMENTI DAL CAMPO: LA PANDEMIA NON FERMA LE ATTIVITÀ DELLA CASITA

“È un periodo complesso per tutti noi. Per evitare la diffusione della pandemia le scuole in Perù sono chiuse ormai da un anno. Per molti dei bambini di Huaycan la Casita rappresenta l’unico luogo dove poter mangiare, studiare, divertirsi. Per tutti questi motivi oggi, più che mai, anche grazie al supporto della Chiesa Valdese, stiamo garantendo il funzionamento di tutti i servizi di cui beneficiano i bambini che frequentano la struttura, nel rispetto del distanziamento e di tutte le normative anticontagio. E’ dura ma non molliamo, il benessere dei bambini di Huaycan è, da sempre, la nostra priorità”.

Laura De Carlo, Presidente Amici di Huaycan


La pandemia da Covid 19 ha aperto una profonda crisi sociale ed economica anche in Perù. Le autorità locali hanno dichiarato lo stato di emergenza nazional, che tuttora sussiste, sin da marzo 2020.

Le scuole in Perù sono chiuse da allora. 9 milioni di studenti nell’intero Paese sono stati obbligati alla didattica a distanza, con evidenti limiti per tutte quelle famiglie che non hanno accesso alla rete internet o all’acquisto dei dispositivi necessari.

Più tempo i bambini trascorrono fuori dalla scuola, più è alto il rischio di abbandono definitivo. La scuola è luogo di formazione e di protezione, senza il quale il rischio di devianza cresce notevolmente, così come i fenomeni del lavoro minorile e dello sfruttamento.

In questo contesto il ruolo della “Casita de los niños” è a dir poco fondamentale per le famiglie e i bambini di Huaycan. Nonostante le restrizioni, la Casita continua ad accogliere i piccoli della zona; nel mese di gennaio ben 78 bambini hanno avuto accesso ai servizi offerti da Amici di Huaycan, che quest’anno si avvale del supporto economico dei fondi dell’8xmille della Chiesa Valdese per la gestione di tutti i servizi rivolti ai più piccoli frequentatori del centro: i bambini tra i 2 e i 7 anni, in tutto 34.

Al fine di rispettare le disposizioni governative ed evitare assembramenti i pasti vengono consegnati dagli operatori direttamente alle famiglie e il consumo avviene nell’ambiente domestico, ai bambini più vulnerabili viene erogato anche il pranzo, oltre alla “merenda rinforzata” del pomeriggio.

Le attività didattiche proseguono: gli operatori lavorano con piccoli gruppi di bambini che si alternano, a cui viene imposto il rispetto del distanziamento e l’uso della mascherina. In questi mesi stiamo dando molta importanza all’insegnamento delle norme igieniche, fondamentali per evitare il contagio. A tutti i bambini che non hanno la possibilità di lavarsi giornalmente viene garantito supporto nel lavaggio del corpo e dei capelli, presso la Casita.

Purtroppo il Covid ha colpito duramente la nostra comunità, portandoci via Vicente, un membro davvero importante nel nostro staff, che per oltre 20 anni ha dedicato la sua competenza e il suo amore ai bambini della Casita, diventando una figura maschile di riferimento per bambini e ragazzi più grandi.

La pandemia però non ci ha fermato e non ci fermerà: certamente ci ha costretto a rivedere l’impostazione del nostro impegno, ma ci ha reso anche più consapevoli dell’importanza che la Casita riveste nelle vite dei piccoli di Huaycan
 





huaycan-8xmille


Diritto alla sicurezza e alimentazione dei bambini di Huaycan – focus sui più piccoli


Progetto finanziato dall’8x1000 della Chiesa Valdese


Grazie ai fondi 8x1000 della Chiesa Valdese abbiamo avviato un nuovo progetto che porterà tante positive novità per i bambini che frequentano la Casita de los niños, a Huaycan.

Da 25 anni la Casita rappresenta un luogo sicuro e protetto, all’interno del quale vengono accolti bambini e ragazzi che quotidianamente ricevono pasti sani, supporto scolastico e sociale. La funzione di protezione offerta dalla Casita è di grande importanza per le famiglie della zona; ogni bambino ospitato è tolto dalla strada, da eventuali problematiche domestiche, ed è seguito lungo un percorso di crescita personale, scolastica e nutrizionale.

Grazie al nuovo progetto, includeremo anche i bambini più piccoli – dai 2 ai 7 anni - all’interno di un programma rinforzato che mira a tutelare i loro diritti principali: accoglienza, alimentazione, studio, gioco e salute.

Quali sono i pilastri su cui si basa l’intero progetto?

icona casaACCOGLIENZA E PRESCOLARIZZAZIONE: la Casita si trova in una zona molto povera di Huaycan. Le famiglie sono giovani, con figli piccoli e le attività lavorative dei genitori rendono impossibile l’accudimento dei bambini. La Casita è l’unico centro diurno per l’infanzia nell’intera zona: questo rende il suo ruolo determinante nell’organizzazione della vita delle famiglie locali. Ai 25 bambini in età prescolare, accolti nel centro, vengono garantiti percorsi individuali di accoglienza e di preparazione didattica. Le singole situazioni vengono tenute in considerazione e vengono monitorati casi più delicati, determinati da condizioni familiari particolarmente fragili. Lo staff prende in carico questi casi, valutando collettivamente ogni situazione a rischio, per offrire soluzioni specifiche che possono estendersi all’intera famiglia.

icona ciboALIMENTAZIONE: i bambini accolti nella Casita ricevono, ogni giorno, un pranzo e una ricca merenda. Gran parte dei bambini di Huaycan, soprattutto nelle zone periferiche come la R, soffre di malnutrizione; la certezza di pasti sani e sostanziosi limita notevolmente il rischio di patologie come l’anemia e la tbc, strettamente correlate alla scarsa o sbagliata alimentazione. Un nutrizionista sarà coinvolto nella messa a punto dell’offerta culinaria giornaliera e settimanale.

icona sanitaSALUTE: i piccoli della Casita vengono visitati periodicamente per valutare i parametri di crescita e, tutti, vengono sottoposti una volta l’anno allo screening sulla TBC. In caso di esigenze specifiche si attivano personali percorsi di diagnosi e cura, compresi percorsi di assistenza psicologica ai bambini e alle famiglie.

icona istruzioneCREATIVITÀ: i bambini possono partecipare ai laboratori di disegno e di musica, che si tengono due volte a settimana; sono tenuti da due ex beneficiari che, grazie alla Casita, hanno potuto sviluppare i loro talenti. Il sabato si fa sport: calcio, pallavolo, ginnastica, per uno sviluppo armonico del corpo e favorire il lavoro di squadra, con un insegnante di educazione fisica.

In un anno difficile come quello che stiamo attraversando, che sta avendo delle ricadute estremamente drammatiche per le famiglie di Huaycan, poter contare sul supporto di un partner come la Chiesa Valdese è, a dir poco, fondamentale per garantire continuità e rafforzamento alle attività che portiamo avanti a beneficio dei più piccoli e delle loro famiglie, direttamente colpite dagli effetti economici e sociali della pandemia da Covid-19.

Il progetto, iniziato nel mese di dicembre 2020, proseguirà per un intero anno, fino a dicembre 2021.